HomeLetteraturaPremio Strega 2017: i candidati ufficiali e i grandi assenti

Premio Strega 2017: i candidati ufficiali e i grandi assenti

Premio Strega 2017: i candidati ufficiali e i grandi assenti

Il prossimo 20 aprile è prevista la selezione dei 12 titoli che passano alla fase finale

 Si è ufficialmente chiusa la lista di candidature per la LXXI edizione del Premio Strega promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega in collaborazione con Bper Banca e Toyota Motor Italia.

In questa edizione 2017, la prima senza Tullio De Mauro, dal 2007 presidente della Fondazione Bellonci e del Comitato direttivo, scomparso lo scorso 5 gennaio, concorrono ben ventisette opere di narrativa proposte dalle Case editrici e presentate ognuna da due componenti degli Amici della domenica: un gruppetto di circa 400 tra uomini e donne di cultura e dal 1947 attribuisce il riconoscimento a un libro di narrativa italiana pubblicato tra il 1° aprile dell’anno precedente e il 31 marzo dell’anno in corso. Concorre ad assegnare il Premio anche un gruppo di 60 lettori forti, che ruotano di anno in anno, selezionati dalle librerie indipendenti italiane.

Il Premio Strega ha degli appuntamenti precisi. Le date da tenere a mente sono sostanzialmente tre e seguono all’annuncio dei candidati:

  • quella in cui vengono decretati i 12 titoli che passano alla selezione finale. Il Comitato direttivo del Premio – composto da Valeria Della Valle, Giuseppe D’Avino, Ernesto Ferrero, Simonetta Fiori, Alberto Foschini, Paolo GiordanoMelania Mazzucco, Gabriele Pedullà, Stefano Petrocchi, Marino Sinibaldi e Giovanni Solimine – provvederà a selezionare, infatti, i dodici libri che si disputeranno la settantunesima edizione e che saranno annunciati a Tempo di Libri – Fiera dell’editoria italiana di Milano, giovedì 20 aprile alle ore 11,30.
  • quella in cui vengono annunciati i cinque finalisti al premio: questa prima votazione si terrà a Casa Bellonci il 14 giugno.
  • quella in cui presso il mitico Ninfeo gli Amici della domenica torneranno infatti a riunirsi per la proclamazione del vincitore, nel solito appuntamento del primo giovedì del mese e quindi il prossimo 6 luglio.

Il Premio Strega ha anche una sezione dedicata ai giovani: per il premio Giovani, che generalmente viene annunciato prima della notte dello Strega e consegnato il giorno della cerimonia ufficiale, sono 500 studenti che frequentano istituti scolastici a votare il vincitore. E una sezione dedica alla narrativa europea con il Premio Strega Europeo.

Come abbiamo preannunciato nel corso delle scorse puntate di #LetteralmenteCluster, quest’anno assistiamo anche allo “Strega delle grandi assenze”. Non saranno infatti presenti tre importanti case editrici: mancheranno Rizzoli (dopo aver portato a casa la vittoria lo scorso anno con La scuola cattolica di Edoardo Albinati), Bompiani e Feltrinelli (rinunciataria per il secondo anno, dopo i rumors di una candidatura di Roberto Saviano). Resta alla finestra a guardare anche La Nave di Teseo al suo esordio allo Strega 2016, con il romanzo di Elena Stancanelli La femmina nuda entrato poi nella rosa dei 12.

Queste sono le candidature ufficiali:

Teresa Ciabatti, “La più amata” (Mondadori)
Presentato da Stefano Bartezzaghi e Edoardo Nesi

Paolo Cognetti, “Le otto montagne” (Einaudi)
Presentato da Cristina Comencini e Benedetta Tobagi

Domenico Dara, “Appunti di meccanica celeste” (Nutrimenti)
Presentato da Valeria Parrella e Andrea Vitali

Anna Giurickovic Dato, “La figlia femmina” (Fazi)
Presentato da Maria Ida Gaeta e Giuseppe Leonelli

Giorgio Dell’Arti, “Bibbia pagana” (Clichy)
Presentato da Fulvio Abbate e Raffaele La Capria

Marco Ferrante, “Gin tonic a occhi chiusi” (Giunti)
Presentato da Pierluigi Battista e Antonella Cilento

Silvana Grasso, “Solo se c’è la luna” (Marsilio)
Presentato da Lucia Annunziata e Salvatore Silvano Nigro

Davide Grittani, “E invece io” (Robin)
Presentato da Maria Cristina Donnarumma e Roberto Pazzi

Wanda Marasco, “La compagnia delle anime finte” (Neri Pozza)
Presentato da Paolo Di Stefano e Silvio Perrella

Chiara Marchelli, “Le notti blu” (Perrone)
Presentato da ElisabettaMondello e Giorgio Van Straten

Gian Domenico Mazzocato, “Il castrato di Vivaldi” (Biblioteca dei Leoni)
Presentato da Maurizio Cucchi e Paolo Ruffilli

Monaldi&Sorti, “Malaparte. Morte come me” (Baldini&Castoldi)
Presentato da Franco Cardini e Lucio Villari

Matteo Nucci, “È giusto obbedire alla notte” (Ponte alle Grazie)
Presentato da Annalena Benini e Walter Pedullà

Ferruccio Parazzoli, “Amici per paura” (SEM)
Presentato da Giorgio Ficara e Sergio Zavoli

Fabrizio Patriarca, “Tokyo transit” (66th&2nd)
Presentato da Raffaele Manica e Alessandro Piperno

Carmela Pierri, “Mangia con gli occhi” (Aracne)
Presentato da Antonio Augenti e Simonetta Bartolini

Giorgio Pressburger, “Don Ponzio Capodoglio” (Marsilio)
Presentato da Gianfranco De Bosio e Massimo Raffaeli

Nicola Ravera Rafele, “Il senso della lotta” (Fandango Libri)
Presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola

Alberto Rollo, “Un’educazione milanese” (Manni)

Presentato da Giuseppe Antonelli e Piero Dorfles

Marco Rossari, “Le cento vite di Nemesio” (e/o)
Presentato da Giancarlo De Cataldo e Fabio Geda

Lodovica San Guedoro, “Pastor che a notte ombrosa nel bosco si perdé…” (Felix Krull)
Presentato da Maria Rosa Cutrufelli e Dacia Maraini

Vanni Santoni, “La stanza profonda” (Laterza)
Presentato da Silvia Ballestra e Alessandro Barbero

Luigi Sardiello, “Il punto che non conosco” (Licosia)
Presentato da Masolino d’Amico e Franco Di Mare

Tito Schipa Jr., “Orfeo 9 – Then an Alley” (Argo)
Presentato da Paolo Ferruzzi e Marcello Panni

Gianni Tetti, “Grande nudo” (Neo)
Presentato da Raffaella Morselli e Massimo Onofri

Alberto Toso Fei e Marco Tagliapietra, “Orientalia” (Round Robin)
Presentato da Roberto Ippolito e Mimmo Paladino

Claudio Volpe, “La traiettoria dell’amore” (Laurana)
Presentato da Francesca Pansa e Carla Tagliarini

 

Paolo Napol

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn