Home(A)IM in EuropeDIS-EQUILIBRI 2018 a ClusteRadio

DIS-EQUILIBRI 2018 a ClusteRadio

DIS-EQUILIBRI 2018 a ClusteRadio

Ospite ai microfoni di (A)IM in Europe Riccardo Rosini dell’associazione di promozione sociale Humus Sapiens che ci parlerà del progetto di cui l’associazione è partner: “Disequilibri 2018, un avvincente percorso di conoscenza e sfida sospesi a mezz’aria nella complessità degli ecosistemi” organizzato dall’Associazione IL CLOWNOTTO in collaborazione con le Biblioteche di Roma e l’INFN (Istituto Nazionale
di Fisica Nucleare)

“L’iniziativa è parte del programma di Eureka! Roma 2018 promosso da Roma
Capitale Assessorato alla Crescita culturale e in collaborazione con Siae”
La sfida della sostenibilità della vita sul nostro Pianeta sta assumendo contorni estremamente significativi considerate le emergenze socio-ambientali che si stanno verificando in ogni continente: cambiamenti climatici, riscaldamento globale, aumento esponenziale delle emissioni di CO2, proliferazione di rifiuti domestici e scarti industriali, consumo indiscriminato di risorse naturali, erosione della biodiversità, migrazioni di massa, esplosione demografica dei grandi centri urbani, impoverimento dei suoli, minacce di varia origine alla sicurezza alimentare.
Le problematiche sopra citate sono ampiamente sufficienti a dimostrare come sia necessario ed urgente strutturare un progetto pedagogico che, prendendo spunto dal celebre fisico Fritjof Capra, potremmo definire di “alfabetizzazione ecologica”.
Questa capacità di comprensione dipende da un nuovo modo di vedere il mondo e di pensare che viene definito pensiero sistemico o ecologico: significa imparare a pensare in termini di relazioni, di reti, di contesto, piuttosto che mantenere un abito mentale che ci porta a considerare ogni singolo oggetto, così come ogni fenomeno sociale o ambientale, come indipendenti da ogni relazione/interazione con il tutto.
Questa modalità di pensiero ‘pertinente’, così come definito dal filosofo Edgar Morin, richiede di essere praticata ed appresa soprattutto nel periodo dello sviluppo individuale in cui gli strumenti epistemici si stanno strutturando.
In tal senso la proposta progettuale “DIS-EQUILIBRI” intende accompagnare bambini e ragazzi, insieme ai loro familiari, in un percorso di divulgazione scientifica utilizzando metodologie in grado di stimolare l’intelligenza emotiva, la creatività, la consapevolezza della complessità dei sistemi viventi e le perturbazioni e degli squilibri causati dalla specie umana negli ecosistemi.

Il progetto sarà articolato in un percorso parallelo che si svolgerà nelle Biblioteche Cornelia e Valle Aurelia, su tre incontri laboratoriali a cadenza settimanale più un evento finale aperto ad un’ampia partecipazione della cittadinanza.
I laboratori sono diretti a bambini compresi nella fascia d’età 4/8 anni e i loro genitori che, oltre all’opportunità di accedere con un approccio ludico alle tematiche proposte dal progetto, trarranno occasione di gioco e di relazione, aggregazione e socializzazione tra famiglie, di incontro, conoscenza e scambio per la riscoperta dello spazio e del tempo per giocare insieme imparando.
Sono previsti inoltre due workshop rivolti agli insegnanti (uno in ognuna delle due Biblioteche) per offrire strumenti originali per l’insegnamento delle materie scientifiche e per proporre nuove metodologie e nuovi approcci per la didattica delle scienze.

Sarà rivolto a tutta la cittadinanza e rappresenterà un’occasione di promozione della conoscenza collettiva in quanto utilizzerà diversi linguaggi artistici e modalità operative in grado di soddisfare un pubblico di diverse età, provenienza sociale e culturale, con particolare attenzione al patrimonio di conoscenze tradizionali ed interculturali che saranno messe in condizione di dialogare fra loro per dare opportuno completamento alle azioni divulgative svolte nei precedenti incontri.
Il progetto si colloca in continuità con la tredicesima edizione del National Geographic Festival delle Scienze svoltasi quest’anno anche nelle biblioteche e vanta la collaborazione dell’associazione di promozione sociale Humus Sapiens, di SIAE, di Biblioteche di Roma e INFN(Istituto Nazionale di Fisica Nucleare).
Allo scopo di sensibilizzare il maggior numero di persone alle tematiche della complessità, di disequilibri e degli impatti antropici sugli ecosistemi,è prevista la diffusione di un questionario su ecosistemi e complessità volto a testare la temperatura “eco sistemica” e “complessa” di insegnanti e cittadinanza. Un primo, parziale risultato, sarà presentato durante gli incontri di formazione per insegnanti promossi nelle date del 18 Maggio nella biblioteca di Valle Aurelia e 24 Maggio nella biblioteca di Cornelia, dalle 17:00 alle 18:30 ed aperti alla cittadinanza.
Una prima fotografia sarà presentata durante gli incontri di formazione per insegnanti promossi nelle date del 18 Maggio nella biblioteca di Valle Aurelia e 24 Maggio nella biblioteca di Cornelia, dalle 17:00 alle 18:30 ed aperti alla cittadinanza.
Successivi risultati verranno pubblicati sui siti:
www.clownotto.it
http://www.humus-sapiens.it
http://scienzapertutti.infn.it/
Crediamo inoltre che la facilità di diffusione dei questionari potrà velocemente implementare le nostre stime anche ad adulti ed insegnanti del Lazio.
Si riportano di seguito i link per la compilazione del questionario:

QUESTIONARIO COMPLESSITA’- ECOSISTEMI PER INSEGNANTI:
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScvefmo6v3ozwWKwHV2cDsr0-FQRkwIEkZE7UH9_tFFnbG9vg/viewform?usp=sf_link

TEST COMPLESSITA’ – ECOSISTEMI PER ADULTI/GENITORI
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScBbdmdvqdQTSPC9bs1HXKpHLSuMhV21HZDeSWp1Y4drKbBmQ/viewform?usp=sf_link

Durante gli interventi laboratoriali e di formazione verranno inoltre proposti siti e app presenti in rete per misurare l’impatto che ogni di noi ha sull’ambiente.
Si tratta di un indicatore complesso utilizzato per valutare il consumo umano di risorse naturali rispetto alla capacità della Terra di rigenerarle. Questo particolare indicatore è noto col nome di “impronta ecologica”. Utilizzando l’impronta ecologica è possibile stimare quanti “pianeta Terra” servirebbero per sostenere l’umanità, qualora tutti vivessero secondo un determinato stile di vita.
Dunque questo indicatore può essere stimato sia in termini di “ettaro globale”, sia (tenendo conto dei consumi e delle relative emissioni di CO2) in termini di tonnellate di diossido ci carbonio.
Presentiamo alcuni siti ed app(la maggior parte girano su Android) su cui poter misurare la propria impronta ecologica.
http://www.footprintcalculator.org/signup
vi permette di misurare la la vostra impronta ecologia inserendo dei semplici dati sulla vostra bolletta, quante lampadine tenete accese più di 4 ore e quanto meno e altre informazioni. Il risultato e´ una stima di quanti alberi sono necessari per compensare la vostra impronta ecologica- in inglese;
https://play.google.com/store/apps/details?id=eco.footprint&feature=also_installed_confirmation
si tratta di EcoFootprint con 19 domande (test breve) e 42 domande (test completo) vi fornirà una rappresentazione della vostra impronta divisa per aree e risorse. App carina ma va migliorata la grafica-in inglese;
http://footprint.wwf.org.uk/,
semplice ed intuitiva – in inglese
http://www.feem-project.net/pandora/impronta_eco.php?ids=125
semplice ed immediata, non è un app, ma un sito, rende l’idea, ma non è il massimo-in inlgese;
http://www.improntawwf.it/main.php
Un software ideato da WWF-ITALIA, ben fatto, in italiano. Per usarla bisogna registrarsi
http://footprint.wwf.org.uk/
SI tratta della versione del precedente calcolatore, ma in inglese.
Impronta eco
Andate sul Play-store di Android e digitate Impronta eco e vi appare ImprontaEco Istituto Comprensivo Tricarico. Si tratta di un app che ogni tanto manda la schermata “l’applicazione Impronta Eco si è bloccata in modo anomalo”, ma basta digitare “ok” e lei prosegue senza indugi e alla fine fa il calcolo e vi chiede se volete condividerla o meno. Peccato per l schermata, ma è molto ben fatta-in italiano.
Per Iphone consigliamo Carbon Tracker, che vi dà una stima reale delle emissioni di CO2 sui mezzi utilizzati in tempo reale.

Buona impronta a tutti e tutte!!Vi aspettiamo in Biblioteca..

IL CALENDARIO DELLE ATTIVITA’

Biblioteca Valle Aurelia

Martedì 8 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
1° incontro laboratorio dedicato alle famiglie con consegna del kit giochi “DIS-EQUILIBRI”
Presentazione, conoscenza e uso dell’App “La mia impronta ecologica”.

Martedì 15 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
2° incontro laboratorio dedicato alle famiglie con consegna alla struttura ospitante di 10 testi sui contenuti principali del progetto che resteranno parte del suo patrimonio librario.

Venerdì 18 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
Workshop dedicato alle Insegnanti con distribuzione del kit giochi “DIS-EQUILIBRI”. Presentazione, conoscenza e uso dell’App “La mia impronta ecologica”.

Martedì 22 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
3° incontro laboratorio dedicato alle famiglie.

Martedì 29 Maggio – dalle ore 17.30 alle ore 19.30
EVENTO CONCLUSIVO

Biblioteca Cornelia

Giovedì 10 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
1° incontro laboratorio dedicato alle famiglie con consegna del kit giochi “DIS-EQUILIBRI”
Presentazione, conoscenza e uso dell’App “La mia impronta ecologica”.

Sabato 12 Maggio – dalle ore 10.30 alle ore 12.00
2° incontro laboratorio dedicato alle famiglie con consegna alla struttura ospitante di 10 testi sui contenuti principali del progetto che resteranno parte del suo patrimonio librario.

Giovedì 17 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
3° incontro laboratorio dedicato alle famiglie.

Giovedì 24 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
Workshop dedicato alle Insegnanti con distribuzione del kit giochi “DIS-EQUILIBRI”. Presentazione, conoscenza e uso dell’App “La mia impronta ecologica”.

Giovedì 31 Maggio – dalle ore 17.30 alle ore 19.30
EVENTO CONCLUSIVO

Ospite ai microfoni di (A)IM in Europe Riccardo Rosini dell’associazione di
promozione sociale Humus Sapiens che ci parlerà del progetto di cui l’associazione è
partner: “Disequilibri 2018, un avvincente percorso di conoscenza e sfida sospesi a
mezz’aria nella complessità degli ecosistemi” organizzato dall’Associazione IL
CLOWNOTTO in collaborazione con le Biblioteche di Roma e l’INFN (Istituto Nazionale
di Fisica Nucleare)
“L’iniziativa è parte del programma di Eureka! Roma 2018 promosso da Roma
Capitale Assessorato alla Crescita culturale e in collaborazione con Siae”
La sfida della sostenibilità della vita sul nostro Pianeta sta assumendo contorni estremamente significativi considerate le emergenze socio-ambientali che si stanno verificando in ogni continente: cambiamenti climatici, riscaldamento globale, aumento esponenziale delle emissioni di CO2, proliferazione di rifiuti domestici e scarti industriali, consumo indiscriminato di risorse naturali, erosione della biodiversità, migrazioni di massa, esplosione demografica dei grandi centri urbani, impoverimento dei suoli, minacce di varia origine alla sicurezza alimentare.
Le problematiche sopra citate sono ampiamente sufficienti a dimostrare come sia necessario ed urgente strutturare un progetto pedagogico che, prendendo spunto dal celebre fisico Fritjof Capra, potremmo definire di “alfabetizzazione ecologica”.
Questa capacità di comprensione dipende da un nuovo modo di vedere il mondo e di pensare che viene definito pensiero sistemico o ecologico: significa imparare a pensare in termini di relazioni, di reti, di contesto, piuttosto che mantenere un abito mentale che ci porta a considerare ogni singolo oggetto, così come ogni fenomeno sociale o ambientale, come indipendenti da ogni relazione/interazione con il tutto.
Questa modalità di pensiero ‘pertinente’, così come definito dal filosofo Edgar Morin, richiede di essere praticata ed appresa soprattutto nel periodo dello sviluppo individuale in cui gli strumenti epistemici si stanno strutturando.
In tal senso la proposta progettuale “DIS-EQUILIBRI” intende accompagnare bambini e ragazzi, insieme ai loro familiari, in un percorso di divulgazione scientifica utilizzando metodologie in grado di stimolare l’intelligenza emotiva, la creatività, la consapevolezza della complessità dei sistemi viventi e le perturbazioni e degli squilibri causati dalla specie umana negli ecosistemi.

Il progetto sarà articolato in un percorso parallelo che si svolgerà nelle Biblioteche Cornelia e Valle Aurelia, su tre incontri laboratoriali a cadenza settimanale più un evento finale aperto ad un’ampia partecipazione della cittadinanza.
I laboratori sono diretti a bambini compresi nella fascia d’età 4/8 anni e i loro genitori che, oltre all’opportunità di accedere con un approccio ludico alle tematiche proposte dal progetto, trarranno occasione di gioco e di relazione, aggregazione e socializzazione tra famiglie, di incontro, conoscenza e scambio per la riscoperta dello spazio e del tempo per giocare insieme imparando.
Sono previsti inoltre due workshop rivolti agli insegnanti (uno in ognuna delle due Biblioteche) per offrire strumenti originali per l’insegnamento delle materie scientifiche e per proporre nuove metodologie e nuovi approcci per la didattica delle scienze.

Sarà rivolto a tutta la cittadinanza e rappresenterà un’occasione di promozione della conoscenza collettiva in quanto utilizzerà diversi linguaggi artistici e modalità operative in grado di soddisfare un pubblico di diverse età, provenienza sociale e culturale, con particolare attenzione al patrimonio di conoscenze tradizionali ed interculturali che saranno messe in condizione di dialogare fra loro per dare opportuno completamento alle azioni divulgative svolte nei precedenti incontri.
Il progetto si colloca in continuità con la tredicesima edizione del National Geographic Festival delle Scienze svoltasi quest’anno anche nelle biblioteche e vanta la collaborazione dell’associazione di promozione sociale Humus Sapiens, di SIAE, di Biblioteche di Roma e INFN(Istituto Nazionale di Fisica Nucleare).
Allo scopo di sensibilizzare il maggior numero di persone alle tematiche della complessità, di disequilibri e degli impatti antropici sugli ecosistemi,è prevista la diffusione di un questionario su ecosistemi e complessità volto a testare la temperatura “eco sistemica” e “complessa” di insegnanti e cittadinanza. Un primo, parziale risultato, sarà presentato durante gli incontri di formazione per insegnanti promossi nelle date del 18 Maggio nella biblioteca di Valle Aurelia e 24 Maggio nella biblioteca di Cornelia, dalle 17:00 alle 18:30 ed aperti alla cittadinanza.
Una prima fotografia sarà presentata durante gli incontri di formazione per insegnanti promossi nelle date del 18 Maggio nella biblioteca di Valle Aurelia e 24 Maggio nella biblioteca di Cornelia, dalle 17:00 alle 18:30 ed aperti alla cittadinanza.
Successivi risultati verranno pubblicati sui siti:
www.clownotto.it
http://www.humus-sapiens.it
http://scienzapertutti.infn.it/
Crediamo inoltre che la facilità di diffusione dei questionari potrà velocemente implementare le nostre stime anche ad adulti ed insegnanti del Lazio.
Si riportano di seguito i link per la compilazione del questionario:

QUESTIONARIO COMPLESSITA’- ECOSISTEMI PER INSEGNANTI:
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScvefmo6v3ozwWKwHV2cDsr0-FQRkwIEkZE7UH9_tFFnbG9vg/viewform?usp=sf_link

TEST COMPLESSITA’ – ECOSISTEMI PER ADULTI/GENITORI
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScBbdmdvqdQTSPC9bs1HXKpHLSuMhV21HZDeSWp1Y4drKbBmQ/viewform?usp=sf_link

Durante gli interventi laboratoriali e di formazione verranno inoltre proposti siti e app presenti in rete per misurare l’impatto che ogni di noi ha sull’ambiente.
Si tratta di un indicatore complesso utilizzato per valutare il consumo umano di risorse naturali rispetto alla capacità della Terra di rigenerarle. Questo particolare indicatore è noto col nome di “impronta ecologica”. Utilizzando l’impronta ecologica è possibile stimare quanti “pianeta Terra” servirebbero per sostenere l’umanità, qualora tutti vivessero secondo un determinato stile di vita.
Dunque questo indicatore può essere stimato sia in termini di “ettaro globale”, sia (tenendo conto dei consumi e delle relative emissioni di CO2) in termini di tonnellate di diossido ci carbonio.
Presentiamo alcuni siti ed app(la maggior parte girano su Android) su cui poter misurare la propria impronta ecologica.
http://www.footprintcalculator.org/signup
vi permette di misurare la la vostra impronta ecologia inserendo dei semplici dati sulla vostra bolletta, quante lampadine tenete accese più di 4 ore e quanto meno e altre informazioni. Il risultato e´ una stima di quanti alberi sono necessari per compensare la vostra impronta ecologica- in inglese;
https://play.google.com/store/apps/details?id=eco.footprint&feature=also_installed_confirmation
si tratta di EcoFootprint con 19 domande (test breve) e 42 domande (test completo) vi fornirà una rappresentazione della vostra impronta divisa per aree e risorse. App carina ma va migliorata la grafica-in inglese;
http://footprint.wwf.org.uk/,
semplice ed intuitiva – in inglese
http://www.feem-project.net/pandora/impronta_eco.php?ids=125
semplice ed immediata, non è un app, ma un sito, rende l’idea, ma non è il massimo-in inlgese;
http://www.improntawwf.it/main.php
Un software ideato da WWF-ITALIA, ben fatto, in italiano. Per usarla bisogna registrarsi
http://footprint.wwf.org.uk/
SI tratta della versione del precedente calcolatore, ma in inglese.
Impronta eco
Andate sul Play-store di Android e digitate Impronta eco e vi appare ImprontaEco Istituto Comprensivo Tricarico. Si tratta di un app che ogni tanto manda la schermata “l’applicazione Impronta Eco si è bloccata in modo anomalo”, ma basta digitare “ok” e lei prosegue senza indugi e alla fine fa il calcolo e vi chiede se volete condividerla o meno. Peccato per l schermata, ma è molto ben fatta-in italiano.
Per Iphone consigliamo Carbon Tracker, che vi dà una stima reale delle emissioni di CO2 sui mezzi utilizzati in tempo reale.

Buona impronta a tutti e tutte!!Vi aspettiamo in Biblioteca..

IL CALENDARIO DELLE ATTIVITA’

Biblioteca Valle Aurelia

Martedì 8 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
1° incontro laboratorio dedicato alle famiglie con consegna del kit giochi “DIS-EQUILIBRI”
Presentazione, conoscenza e uso dell’App “La mia impronta ecologica”.

Martedì 15 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
2° incontro laboratorio dedicato alle famiglie con consegna alla struttura ospitante di 10 testi sui contenuti principali del progetto che resteranno parte del suo patrimonio librario.

Venerdì 18 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
Workshop dedicato alle Insegnanti con distribuzione del kit giochi “DIS-EQUILIBRI”. Presentazione, conoscenza e uso dell’App “La mia impronta ecologica”.

Martedì 22 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
3° incontro laboratorio dedicato alle famiglie.

Martedì 29 Maggio – dalle ore 17.30 alle ore 19.30
EVENTO CONCLUSIVO

Biblioteca Cornelia

Giovedì 10 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
1° incontro laboratorio dedicato alle famiglie con consegna del kit giochi “DIS-EQUILIBRI”
Presentazione, conoscenza e uso dell’App “La mia impronta ecologica”.

Sabato 12 Maggio – dalle ore 10.30 alle ore 12.00
2° incontro laboratorio dedicato alle famiglie con consegna alla struttura ospitante di 10 testi sui contenuti principali del progetto che resteranno parte del suo patrimonio librario.

Giovedì 17 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
3° incontro laboratorio dedicato alle famiglie.

Giovedì 24 Maggio – dalle ore 17.00 alle ore 18.30
Workshop dedicato alle Insegnanti con distribuzione del kit giochi “DIS-EQUILIBRI”. Presentazione, conoscenza e uso dell’App “La mia impronta ecologica”.

Giovedì 31 Maggio – dalle ore 17.30 alle ore 19.30
EVENTO CONCLUSIVO

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn